10° Conferenza Organizzativa di Confartigianato Lombardia

Valore artigiano: questo il concetto chiave al centro della 10° Conferenza Organizzativa di Confartigianato Lombardia, che si è tenuta sabato 5 maggio a Milano alla presenza dei dirigenti e funzionari del sistema lombardo di Confartigianato e dell’Assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia Alessandro Mattinzoli, intervenuto in apertura dei lavori.

“Confartigianato in Lombardia è motore d’impresa a valore artigiano, questo il titolo scelto per questa edizione, intende essere un momento di confronto interno, per riflettere sui molti cambiamenti di contesto in atto, in questo momento in tanti sensi straordinario, e sull’evoluzione conseguente del ruolo della rappresentanza – spiega Eugenio Massetti, Presidente di Confartigianato LombardiaL’impresa a valore artigiano è, per noi, un’impresa che supera nella sua definizione i confini strettamente dimensionali o settoriali ed è invece connotata da altre specificità distintive, quali per esempio l’attenzione alla qualità del ben fatto, il legame con il proprio territorio, la flessibilità e rapidità nel cogliere i cambiamenti, la capacità di introdurre innovazione, la capacità di personalizzazione dei prodotti. È questa l’impresa che vogliamo rappresentare oggi e in futuro, e ci stiamo attrezzando per farlo”.

Per riuscirci, il sistema Confartigianato in Lombardia ha avviato un percorso che ha coinvolto tutti i territori e i gruppi dirigenti. Un lavoro impegnativo supportato dal Consorzio Aaster – Agenti di Sviluppo del Territorio, che è stato oggi raccontato nella relazione del ricercatore Albino Gusmeroli e commentato negli interventi di Francesco Samorè, Direttore della Fondazione Bassetti e Paolo Feltrin, Professore di Scienze politiche e sociali allʼUniversità di Trieste. L’Osservatorio di Confartigianato Lombardia ha invece tracciato un quadro proprio sull’evoluzione del contesto in cui le imprese lombarde operano oggi, per evidenziare nuove sfide e nuovi bisogni a cui le Associazioni di rappresentanza sono chiamate a dare risposta.

Tre i temi che sono stati approfonditi nei 14 incontri fatti nelle scorse settimane sul territorio e la cui elaborazione troverà sintesi nel Rapporto finale “Rappresentanza, Servizi e Territori”: l’Associazione e gli interessi delle imprese oggi; l’evoluzione del rapporto tra i Territori e le due funzioni associative di rappresentanza e fornitura di servizi alle imprese; la visione di un sistema Confartigianato capace di fare i conti con il mutato contesto, sia interno che esterno, e nello specifico il ruolo di Confartigianato Lombardia.

Da queste riflessioni, e dal contributo dei quattro gruppi di lavoro che si sono riuniti nel corso della 10° Conferenza Organizzativa – Rappresentanza, servizi e territorio; Competitività delle Imprese,  Impresa 4.0; Competitività delle Imprese, Politiche attive del lavoro e formazione; Competitività delle Imprese , Credito – risulteranno gli orientamenti strategici che verranno sintetizzati alla fine del percorso, e presentati ufficialmente nell’ambito del Congresso in programma il prossimo 22 giugno.

“Siamo consapevoli delle complessità della sfida che stiamo affrontando – conclude Massetti ma siamo anche convinti che sia questa la strada giusta per continuare ad essere, nel modo più adeguato, a fianco e al servizio delle imprese, assumendoci in prima persona la responsabilità dello sviluppo dell’Associazione, delle imprese che è chiamata a rappresentare, e in senso più ampio del territorio e della comunità lombarda”.

L’appuntamento, quindi, è per il prossimo 22 giugno, con il Congresso 2018 di Confartigianato Lombardia.