Confartigianato in audizione alla camera sulla modifica della disciplina dell’estetica

Una revisione profonda e organica della legge sull’estetica, nuove regole che stabiliscano iter formativi coordinati con le novità su istruzione e formazione professionale previste dalla legge ‘Buona scuola’, requisiti professionali omogenei in tutta Italia e per tutte le nuove attività del settore nate in questi anni, dai tatuatori ai piercer, dagli onicotecnici ai truccatori, ai tecnici delle ciglia fino ai socio-estetisti.

E’ quanto evidenziato dalla Presidente nazionale Sandra Landoni nell’ambito dell’audizione svoltasi questa mattina in Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati, che ha espresso la necessità di una riforma complessiva che garantisca la professionalità degli operatori, combatta abusivismo e attività irregolari, e tuteli la sicurezza dei consumatori.

IL COMUNICATO STAMPA