Convention Servizi 2018 – ‘Digito ergo sum’: tecnologia digitale e nuovi modelli organizzativi

Le sfide della digitalizzazione per il sistema delle imprese e le ricadute sull‘offerta di servizi sono al centro della Convention Servizi 2018 di Confartigianato “Digito ergo sum” che si apre oggi a Roma. In relazione al focus dell’evento si osserva che l‘economia e società italiana devono accelerare il ritmo dell‘innovazione digitale: l’indice Desi – Digital Economy and Society Index – nel 2017 colloca l’Italia al 25° posto nell’Unione. Sul ritardo pesa il gap infrastrutturale: in Italia la penetrazione della banda ultra larga (almeno 30 Mb/s) è del 21,5%, quota dimezzata rispetto al 44,4% della media UE.

Nonostante il ritardo, sono in corso profondi cambiamenti sui mercati su cui operano le piccole imprese. Sul lato della domanda nel 2017 un terzo (32,2%) della popolazione fa acquisti on lineraddoppiando la quota (16,7%) di cinque anni prima.

Cresce l’utilizzo delle piattaforme di sharing economy: nel 2017 il 19degli italiani utilizza servizi on line per l’alloggio mentre è più limitato l’utilizzo (4%) per le piattaforme relative ai servizi trasportoIn tali ambiti sarà decisiva una regolazione che impedisca forme di concorrenza sleale con le imprese che operano su tali mercati.

Cambia la comunicazione aziendale con il mercato: nel 2017 salgono al 44,0% le imprese che usano i social mediaper consolidare l’immagine dei prodotti e dell’azienda, con un aumento di quasi venti punti rispetto a quattro anniprima.

La presenza qualificata dell’azienda sul web e sui social è un fattore di successo in relazione alla ampia quota di consumatori – il 43,2% degli utenti internet – che non ha acquistato on line ma ha comunque cercato informazioni su merci o servizi.

Sul lato dell’offerta crescono le imprese artigiane digitali – che offrono servizi per la personalizzazione delle tecnologie digitali ad imprese e famiglie –  nel 2017 sono salite di dell’1,7% ed hanno cumulato una crescita dell’8% negli ultimi quatto anni.

In relazione ai servizi alle imprese si amplia l’offerta di servizi in cloud che interessa il 19,8% delle piccole imprese. La digitalizzazione dei processi aziendali si sta intensificando – auspicando che riduca il digital divide con l’Europa anche grazie al programma Impresa 4.0, sostenuto e implementato da Confartigianato con i Digital Innovation Hub di Confartigianato (qui la mappatura). Nel 2017 gli investimenti in macchinari, attrezzature e mezzi di trasporto aumentano dell’8,3%; tale dinamica è stata sostenuta da super e iper ammortamenti che hanno ridotto la pressione fiscale per 3.472 milioni di euro all’anno per le imprese che investono.

I report tematici dell’Ufficio Studi su digitale e formazionemercato del lavorocredito e fisco saranno disponibili in quest’area dopo la presentazione ai Gruppi di lavoro della Convention di oggi pomeriggio.

>>> Scarica i grafici