Crolla il nostro export in Russia: su ‘Il Fatto’ l’allarme di Confartigianato

Tra embargo, crisi economica, crollo del rublo, l’export dei nostri prodotti in Russia ha subito negli ultimi due anni una vera batosta. Confartigianato lo denuncia in un rapporto che oggi è ripreso da ‘Il Fatto Quotidiano’.

Soltanto per i prodotti alimentari, bevande e tabacco,  le nostre vendite in Russia sono passate dai 300 milioni del gennaio-luglio 2014 ai 181 milioni dello stesso periodo di quest’anno. Non va meglio in comparti come tessile, abbigliamento e prodotti in pelle: secondo i dati di Confartigianato le esportazioni italiane sono passate da 1.190 a 787 milioni, in quello dei mezzi di trasporto da 302 a 184 milioni.

“Il pesante calo delle nostre esportazioni nella Federazione Russa – sottolinea il Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti – impone di moltiplicare gli sforzi sul fronte dei negoziati politici e diplomatici per ripristinare condizioni favorevoli all’interscambio commerciale con la Russia”.

Clicca QUI per leggere l’articolo de Il Fatto Quotidiano