Rinnovo CCNL area Meccanica

Con l’ipotesi di accordo 24 aprile 2018 le parti sociali, tra cui Confartigianato, hanno  rinnovato il c.c.n.l. per i dipendenti dalle imprese artigiane dell’area meccanica. L’accordo, che sarà sottoscritto formalmente e sarà pienamente efficace in seguito all’esito positivo della consultazione dei lavoratori, decorre dal 1° gennaio 2013 e scadrà il 31 dicembre 2018.

Proponiamo qui di seguito una sintesi delle principali novità

Una tantum: Pertanto, a copertura del periodo di carenza contrattuale 1° gennaio 2015-30 aprile 2018, ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione dell’accordo 24 aprile 2018, verrà corrisposto un importo forfetario una tantum pari ad € 299,00 suddivisibile in quote mensili, o frazioni, in relazione alla durata del rapporto nel periodo interessato.

L’importo verrà erogato in 2 tranches:

  • 150,00  con la retribuzione di giugno 2018 – apprendisti 70%

  • 149,00  con la retribuzione di ottobre 2018 – apprendisti 70%

Gli importi eventualmente già corrisposti a titolo di futuri miglioramenti contrattuali vanno considerati a tutti gli effetti anticipazioni degli importi di una tantum, pertanto dovranno essere detratti fino a concorrenza.

Minimi tabellari: Le cifre di seguito indicate sono riferire al 5° livello per il settore dei metalmeccanici ed al 4° livello per il settore degli odontotecnici e sono da riparametrare per gli altri livelli di inquadramento. Le tabelle sono ancora in corso di pubblicazione.

  • Settore metalmeccanica e installazione di impianti, orafi, argentieri e affini

    • € 22,00 dal 1° maggio 2018;

    • € 20,00 dal 1° settembre 2018;

  • Settore odontotecnico

    • € 21,50 dal 1° maggio 2018;

    • € 20,00 dal 1° settembre 2018;

Indennità di funzione: Per i lavoratori con funzioni direttive, è prevista un’indennità mensile nelle seguenti misure:

  • € 70,00 per i quadri;

  • € 50,00 per gli impiegati con funzioni direttive.

Indennità di reperibilità – Metalmeccanica: A decorrere dal 1° settembre 2018 la misura dell’indennità di reperibilità per il settore metalmeccanico è elevata nei seguenti importi:

  • 13,00, per i giorni con obbligo di reperibilità su 24 ore;

  • 7,00, per i giorni con obbligo di reperibilità su 16 ore.

Indennità di trasferta – Metalmeccanica: A decorrere dal 1° settembre 2018 la misura dell’indennità di trasferta per il settore metalmeccanico è elevata a € 35 ,00.

Classificazione del personale: Viene introdotto il livello di Quadro. Al quadro trovano applicazione gli istituti contrattuali previsti per gli impiegati di 1° livello, compresi gli scatti di anzianità.

Flessibilità: In alternativa al regime di flessibilità disciplinato dal contratto, l’azienda potrà ricorrere, anche per singoli reparti, tipi di lavorazioni o gruppi di lavoratori, a regimi di flessibilità con compensazione di orario nei 12 mesi, così da lasciare invariata la media del normale orario di lavoro.

Lavoro a termine:

  • Limiti quantitativi: è consentita l’instaurazione di rapporti a tempo determinato entro i seguenti limiti:

    • 3 lavoratori nelle imprese fino a 5 dipendenti (compresi sia i lavoratori a tempo indeterminato che gli apprendisti);

    • lavoratori nelle imprese con oltre 5 dipendenti;

    • nelle imprese con più di 10 dipendenti del settore odontotecnico, è consentita l’assunzione di un lavoratore con rapporto a tempo determinato ogni due, con arrotondamento all’unità superiore.

  • Durata: Non sussiste obbligo di rispettare intervalli temporali in caso di assunzioni a termine per sostituzione di lavoratore con diritto alla conservazione del posto.