Su maxi-conguagli in bolletta importanti passi in avanti per tutelare le Pmi

I maxi-conguagli nelle bollette di energia elettrica e gas, che creano notevoli difficoltà sia alle famiglie che alle attività imprenditoriali, rappresentano nel mercato attuale un’oggettiva anomalia che è divenuta ormai anacronistica con l’installazione dei contatori elettronici. Pertanto, le Confederazioni di Rete Imprese Italia plaudono all’intervento annunciato oggi dal Governo, nell’ambito del tavolo ad hoc istituito presso il Ministero dello sviluppo economico e presieduto dal Sottosegretario Sen. Antonio Gentile. Il pacchetto di misure, illustrato dal Ministero stesso alle Confederazioni, si muove nella direzione giusta a tutela del consumatore finale di energia, sia per i clienti domestici che per le utenze aziendali.

In particolare, è stata apprezzata dalle Associazioni di Rete Imprese Italia la volontà dell’esecutivo di introdurre nel vigente ordinamento l’obbligo, in capo ai fornitori di energia nel mercato libero, di rateizzare gli importi a conguaglio e di circoscrivere a due anni l’arco temporale in cui è possibile fatturare consumi ai clienti finali, poiché ciò va nella direzione di una corretta allocazione delle responsabilità nella filiera dei mercati energetici.